RAGUSA: cosa vedere nella città dalla doppia anima

Ragusa

Buongiorno Viaggiatori! Oggi vi portiamo a Ragusa, uno dei gioielli del barocco siciliano!

Questa città ci ha completamente conquistati  con i suoi colori e i suoi sapori: il meglio del meglio per iniziare il nostro viaggio on the road attraverso Sicilia Orientale!

Cenni storici

Ragusa è una città dalla doppia anima che deve  parte della sua bellezza e della sua fama, ad un evento tragico.

Questa città, infatti, fu colpita nel 1693 da un fortissimo terremoto, che rase al suolo la maggior parte degli edifici, oltre a causare ingenti perdite tra la popolazione.

Dopo il sisma, la città fu ricostruita e divisa in due zone: Ragusa Superiore e Ragusa Ibla.

Ragusa Superiore, detta anche “città nuova”, si trova su un altopiano e, con i suoi edifici moderni, domina dall’alto l’antico centro cittadino.

Ragusa Ibla, detta anche “città vecchia”, è stata ricostruita sulle rovine della antica città, secondo quello che era l’impianto medioevale. La ricostruzione ha dato vita ad imponenti edifici in stile barocco, talmente belli e preziosi da divenire Patrimonio dell’Umanità.

Cosa vedere a Ragusa Ibla

Abbiamo iniziato la nostra esplorazione a Ragusa Ibla.

E’ facile perdere l’orientamento e il senso del tempo passeggiando tra i vicoli labirintici della città e guardando naso all’insù i maestosi palazzi barocchi. Ci siamo completamente lasciati trasportare dalle bellezze della città vecchia e non ce ne siamo fatti scappare nemmeno una.

Cosa vedere a Ragusa Ibla?  Ecco cosa non perdersi:

Giardino Ibleo

Ragusa
L’ingresso al Giardino Ibleo

Il Giardino Ibleo è il polmone verde della città ed è un giardino del tutto particolare nel suo genere.

Infatti, al suo interno si possono ammirare non solo piante mediterranee ed esotiche, ma anche tre chiese: San Domenico, San Giacomo e quella dei Cappuccini.

Inoltre, questo giardino, offre un vero e proprio balcone panoramico sulla sottostante Valle dell’Irminio: uno spettacolo.

Se volete ammirare questo splendore naturale o anche solo sfuggire al caldo delle giornate estive, questo è il posto che fa per voi.

Portale di San Giorgio

Ragusa
Il Portale di San Giorgio sopravvissuto al sisma

Il Portale di San Giorgio si trova vicino all’ingresso del Giardino Ibleo e vale proprio la pena fermarsi ad ammirarlo.

Pensate che è il solo elemento architettonico dell’omonima chiesa scampato al terremoto del 1693.

Il portale è ha un colore rosa chiaro, dovuto alle pietre calcaree con cui è stato realizzato. Di particolare pregio l’affresco su di esso, ovvero la lotta fra San Giorgio e il drago.

Duomo di San Giorgio

Ragusa
Piazza Duomo e i suoi colori

Il Duomo di San Giorgio è il tripudio del Barocco siciliano.

E’ un edificio maestoso, ispirato al Pantheon di Parigi. Pensate che la cupola è alta ben 43 metri e sorretta da 16 colonne.

Il Duomo è stato costruito nella parte alta di Piazza Duomo e per raggiungere l’entrata bisgona salire 54 gradini. La vista sulla piazza sottostante è eccezionale… vista che sarebbe stata superlativa, immagino, dalla cella campanaria. Prima di partire per il nostro road trip, avevamo letto che la cella campanaria era accessibile, ma una volta giunti in loco, ci siamo resi conto che c’era un bel divieto di ingresso.

Piazza Duomo

Piazza Duomo è la piazza principale di Ragusa Ibla.

Qui portano tutti i vicoletti labirintici della città, per cui se vi volete perdere nelle stradine laterali, che offrono degli scorci fotografici stupendi, non vi preoccupate: tutte le strade riportano al centro.

Su Piazza Duomo si affacciano imponenti edifici in stile barocco: tra i tanti ci ha colpito la Chiesa di San Giuseppe per i suoi colori.

Ragusa
Chiesa di San Giuseppe: un gioiello nel cuore di Ragusa Ibla

A Piazza Duomo c’è anche l’imbarazzo della scelta per ristoranti e bar. Noi vi consigliamo GELATI DI VINI, dove potrete assaggiare i gelati… al gusto vino io mi sono innamorata del gelato al Brachetto: assolutamente consigliato!

Cosa vedere a Ragusa Superiore

Dopo aver visitato Ragusa Ibla, ci siamo diretti a Ragusa Superiore, detta anche “la città nuova o “la città alta”.

Questa parte della città domina dall’alto Ragusa Ibla dall’alto e si differenzia da quest’ultima per i suoi edifici moderni.

Cosa vedere a Ragusa Superiore?  Ecco cosa non perdersi:

Cattedrale di San Giovanni

Ragusa
L’imponente facciata della Cattedrale di San Govanni

L’anima di Ragusa è duplice e ciò si riflette in tante cose, come nei santi patroni.

Se a Ragusa Ibla il patrono è San Giorgio, a Ragusa Superiore il Santo patrono è San Giovanni.

Pensate che questo gioiello del barocco venne costruito, dopo il terribile sisma, in soli 4 mesi, sulla base dell’antica Chiesa di San Giovanni che si trovava a Ragusa Ibla e che venne completamente distrutta.

L’edificio venne con gli anni ampliato sino a raggiungere le dimensioni e l’imponenza attuali.

Le scale

Un modo alternativo per ammirare le due anime della città, è il percorso pedonale che dalla Chiesa di Santa Maria delle Scale a Ragusa Superiore, conduce a Ragusa Ibla.

Il cammino è detto delle “scale” perché si scendono letteralmente rampe di scale sino alla parte bassa della città, ammirando lungo il percorso i luoghi di maggiore interesse e scorci da cartolina indimenticabili.

Ragusa
Cartolina da Ragusa

E con questa immagine da cartolina, si conclude il nostro articolo su questa bellissima città.

Il nostro road trip in Sicilia ci ha regalato tantissime emozioni e fatto scoprire posti unici! Curiosi? QUI trovate il nostro itinerario.

Volete rivivere con noi i colori caldi di questo gioiello del barocco? Potete farlo nel nostro video qui sotto 🙂

A presto Viaggiatori,

Ambra e Surio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.