Scoprire NAXOS: Chora e il Tempio di Apollo

Ogni isola delle Cicladi è spettacolare a modo suo ed ognuna offre meraviglie diverse dalle altre.
Naxos è un’isola ricca di storia, ha spiagge spettacolari e  montagne, ci si può rilassare in riva al mare oppure godersi la vita notturna: insomma, non manca proprio nulla!

Naxos: un po’ di storia

Le vie di Naxos

Naxos è l’isola più grande delle Cicladi e ha alle spalle un passato ricco di storia.

Secondo la mitologia greca, Arianna, dopo aver aiutato Teseo a sconfiggere il Minotauro, venne abbandonata dall’eroe a Nasso. La storia ebbe un lieto fine, in quanto Arianna incontrò Dioniso, dio del vino e dell’estasi e, dopo averlo sposato, venne venerata dagli abitanti dell’isola. Pensate che proprio da questo racconto mitologico nasce l’espressione “piantare in asso”.

Storicamente, Naxos ebbe un ruolo centrale nella dominazione del Mar Egeo e fu conquistata da diversi popoli. Per un periodo di circa 300 anni fu anche conquistata dai veneziani: ancora oggi sono visibili i segni di tale dominazione.

Chora: il centro dell´isola

Naxos: Chora

Chora è la città principale dell´isola e senza dubbio la più affascinante.

I vicoli stretti, le case bianche con i gerani e le bouganville, i negozi, i tanti profumi e i colori, colpiscono inevitabilmente non appena ci si addentra nella città.

La parte bassa della cittadina, si estende attraverso il quartiere di Boúrgos e si caratterizza per i vicoli stretti e tortuosi.  La complessità delle viuzze, che ricorda per certi versi quella di un labirinto, è voluta. Infatti, per difendersi dagli attacchi da parte dei pirati, gli abitanti dell’isola costruirono un dedalo di stradine volte a confondere l’avversario in caso di attacco.

Nella parte alta dell’isola si trova il Kástro, un tempo quartiere residenziale dei veneziani più abbienti.

Nel punto più elevato del rione, sorge un’antica fortezza veneziana eretta nel 1207 da Marco Sanudo, l’allora sovrano di Naxos.

Diciamo che oggi della fortezza rimane ben poco, essendo visibili solamente alcuni resti del muro interno e una delle torri. Tuttavia, vi consigliamo comunque di inerpicarvi sulle stradine per raggiungere il punto più alto della cittadina per godere del bellissimo panorama.

La Portara o Tempio di Apollo

Naxos: il tempio di Apollo o Portara

Dalla città di Chora si estende un piccolo lembo di terra che porta verso il mare. Su questo isolotto, chiamato Palatia, sorge il tempio incompiuto di Apollo, conosciuto anche come Portara.

Il tempio, progettato nel VI secolo a.c., non venne mai concluso. Nel corso dei secoli, il sito venne utilizzato come cava per la costruzione di altri edifici. Solo la porta non venne depredata, molto probabilmente per le sue grandi dimensioni: 3,5 m di lunghezza e 6 m di altezza.

La visita di questa meraviglia incompiuta, è particolarmente suggestiva, soprattutto al tramonto. Nota negativa: al tramonto il sito viene letteralmente preso d’assalto dai turisti. Pertanto, armatevi di tanta pazienza e magari raggiungete la Portara con largo anticipo, in modo da poter avere una visuale migliore.

Una visita deve essere fatta assolutamente anche di giorno: verrete colpiti dai fantastici colori del simbolo di Naxos.

Il porto di Naxos

Il mare dal porto di Naxos

Il porto principale di Naxos si trova a Chora, proprio ai piedi della città. Qui arrivano le imbarcazioni provenienti dalle altre isole e che dire… arrivare a a Naxos via mare è un’esperienza da non perdersi. Verrete accolti dalla visione della Portara, che vista dal mare, offre uno spettacolo sublime.

Il porto non è molto grande, ma offre l’essenziale per spostarsi verso le altre isole.

Una cosa che colpisce è la bellezza delle acque del porto. Normalmente in prossimità delle imbarcazioni, l’acqua, diciamocelo, non invita per nulla a fare un bagno. Ma a Naxos è tutta un’altra storia. Il mare è cristallino e la zona vicino alla Palatia, è fantastica per lo snorkeling.

Vi è venuta voglia di un bel tuffo in acque cristalline o di vedere più da vicino queste bellezze? Allora non perdetevi il nostro video a 360 gradi delle Cicladi.

Per il momento vi salutiamo e vi aspettiamo per il prossimo articolo, dove vi porteremo a scoprire altre meraviglie di Naxos.

A presto,
Ambra e Surio

Naxos: il tempio di Apollo o Portara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *