Cosa vedere a BANGKOK: il WAT TRAIMIT

Cosa vedere a BANGKOK : il WAT TRAIMIT

Sawatdee Viaggiatori! Questo sarà il primo di una serie di articoli attraverso i quali vi porteremo a scoprire le bellezze della Thailandia.

Il nostro viaggio alla scoperta di questo paese inizia da Bangkok, la capitale della Thailandia, una città dinamica, caotica, inebriante, ricca di storia e di cultura, gigantesca … potrei andare avanti all’infinito, ma è davvero difficile descrivere a parole tutti gli aspetti di questa metropoli che ci ha completamente affascinato.

Sono moltissime le esperienze che si possono fare a Bangkok e moltissimi i siti da visitare.

Oggi vi vogliamo portare a scoprire le bellezze del Wat Traimit e del Buddha dorato custodito al suo interno.

Premessa: visitare i templi in Thailandia

Prima di parlarvi dei bellissimi templi che potrete visitare in Thailandia, devo premettere alcune regole che dovrete rispettare per accedere a questi siti.

Le donne possono accedervi unicamente se indossano pantaloni lunghi e se hanno le spalle coperte. Gli uomini idem, anche se sono un po’ più tolleranti con il sesso maschile.

Se non avete tali capi di vestiario con voi, nessun problema. Fuori dai templi troverete spesso delle bancarelle che vendono vestiti o anche parei per coprirsi.

Prima di entrare nei templi, dovrete togliervi le scarpe. Fuori da ogni ingresso, ci sono delle scarpiere apposite dove lasciarle.

Il WAT TRAIMIT: il tempio del Buddha Dorato

Cosa vedere a BANGKOK: il WAT TRAIMIT

Info utili per visitare il tempio

Il Wat Traimit si trova nel distretto di Samphanthawong, la Chinatown di Bangkok.

L’ingresso è a pagamento: il costo è di 40 Bath a testa (circa 1,60 Euro).

Orario: dalle 9 alle 17.

Il tempio

Il tempio è tutto dipinto di bianco e presenta un’architettura simile a quella di una pagoda con tetti e decorazioni dorate.

Sebbene molti siano dell’opinione che questo tempio non sia molto bello, se paragonato ad altri di Bangkok, io sono di diverso avviso.

Ogni tempio ha delle caratteristiche che lo rendono unico nel suo genere e questo senza dubbio colpisce per il suo bianco che quasi sembra accecare sotto il sole della Thailandia. Anche le decorazioni dorate e azzurre sono di pregio.

Il Buddha d’oro

All’interno del tempio è custodita una statua di Buddha unica nel suo genere e che è il motivo principale per il quale il Wat Traimit viene visitato.

Infatti qui si trova la più grande statua in oro massiccio del mondo ed è uno dei tesori più preziosi di tutta la Thailandia. Pensate che pesa più di 5 tonnellate!

Cosa vedere a BANGKOK: il WAT TRAIMIT

Il Buddha camuffato

La storia di questa statua ha dell’incredibile.

Essa fu realizzata probabilmente nel tredicesimo o quattordicesimo secolo durante la dinastia Sukhotai e trasportata successivamente nel regno di Ayutthaya.

Nel 1767 quando i birmani presero d’assedio la città di Ayutthaya, i monaci per salvare la statua dal nemico, la cosparsero di uno spesso strato di intonaco e la abbellirono con intarsi colorati. L’opera doveva essere piuttosto orrenda, dato che i birmani non la rubarono.

La statua rimase così tra le rovine di Ayutthaya fino al 1800, quando il re Rama I decise che tutte le statue di Buddha lasciate in declino nei siti abbandonati fossero trasportate a Bangkok.

La statua venne trasportata nella capitale e collocata all’interno del tempio di Wat Chotanarm. Quando questo tempio cadde in rovina, si decise di trasportare la statua al Wat Traimit. Tuttavia questo tempio non aveva spazio sufficiente per accoglierla. Perciò, durante i lavori di espansione della struttura, essa venne collocata sotto un tetto di lamiera.

Nel 1954, a lavori ultimati, durante il trasporto al Wat Tramit accadde un incidente, destinato a far risplendere nuovamente questa statua dopo ben 200 anni di anonimato.

Infatti, durante le manovre di collocamento della statua sul piedistallo che avrebbe dovuto occupare, accadde un incidente.

Le corde che dovevano sostenere il peso della stessa si ruppero, facendo rovinare l’effige di Buddha a terra. I pezzi di intonaco si scheggiarono e sotto di essi, gli operai stupefatti, notarono dell’oro massiccio.

Che storia eh? Ha davvero dello straordinario! Se non fosse stato per un incidente non avremo mai potuto ammirare lo splendore di questa statua che sarebbe potuta rimanere ancora nell’anonimato.

Nel primo minuto del nostro video potrete ammirare il Wat Traimit.

Nel prossimo articolo, vi parleremo del maestoso complesso del Palazzo Reale e dei templi al suo interno.

Alla prossima,

Ambra e Surio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *