Cosa vedere a Bangkok: il WAT ARUN

Wat Arun

Sawatdee Viaggiatori! Avete mai sentito parlare del Wat Arun? E’ anche detto Tempio dell’Alba in quanto le luci del mattino creano un gioco di colori unico sullo stesso.

Curiosi? Venite con noi a scoprire questa meraviglia!

Info utili per visitare il Wat Arun

Il Wat Arun si trova nel distretto Yai, nel quartiere di Thonburi.

L’ingresso è a pagamento: il costo è di 50 Bath a testa (circa 1,28 Euro).

Orario: dalle 8.30 alle 17.30.

La storia del Wat Arun

Wat Arun
Le torri del Wat Arun

Il Tempio dell’Alba è  uno dei templi più antichi e uno dei simboli religiosi di Bangkok.

Ma lo sapete che in orgine si chiamava Tempio degli Ulivi?

Infatti, questo tempio fu fatto edificare dopo la caduta di Ayutthaya allo scopo di custodire la statua del Buddha di smeraldo, scampata alla distruzione del regno.

Lo sapete a cosa deve il suo nome il Buddha di smeraldo? Scopritelo QUI

In origine, il tempio aveva dimensioni modeste ed era spoglio delle bellezze architettoniche che oggi lo rendono uno dei gioielli della Thailandia.

Queste migliorie furono apportate al tempio in un momento successivo, ovvero quando l’icona religiosa del Buddha di smeraldo venne spostata, per volere dell’allora sovrano, all’interno del Wat Phra Kaew.

Fu re Rama II che ribattezzò il tempio Wat Arun, Tempio dell’Alba,in onore del dio indiano dell’alba: Aruna.

E fu proprio a re Rama II che decise di ampliare il tempio e di apportare le migliore architettoniche oggi tanto ammirate, tra le quali le torri in stile khmer, che svettando alte sul cielo di Bangkok, rendono questo edificio una meraviglia assoluta.

Come raggiungere il Wat Arun

wat arun
I dettagli delle torri

Il tempio si trova sulle sponde del fiume Chao Phraya.

Per raggiungerlo, è  necessario utilizzare un battello, in quanto il tempio si trova sulla sponda opposta del fiume.

Il molo si trova a Tha Tien ed è facilmente raggiungibile. I traghetti partono ad intervalli di pochi minuti ed il costo è di 3 Bath.

Al ritorno, potete cogliere l’occasione, per fare qualche tratta in più e godervi una gita  tra i canali della città.

Qual’è il momento migliore per visitare il Wat Arun?

Wat Arun
La maestosità del Wat Arun

Il tempio deve il suo nome ai raggi del sole, che nelle fasi di alba e tramonto, vengono catturate dalle moltitudini di ceramiche che adornano la costruzione dando vita ad un tripudio di colori e luci magnifico.

Per tale motivo, i momenti migliori in cui visitare il tempio, sono due: l’alba o il tramonto, a voi la scelta.

Informatevi, prima della visita, sull’ora in cui sorge/tramonta il sole.

Sappiate che la prima corsa dei traghetti è alle 6 di mattina e l’ultima alle ore 20.

Visitare il Wat Arun

War Arun
Lo splendore delle ceramiche adornative

Le caratteristiche architettoniche di questo tempio sono spettacolari: da dove cominciamo?

Direi che senza dubbio, ciò che colpisce maggiormente, sono le imponenti torri in stile khmer, che svettano alte sul cielo di Bangkok. La torre principale, detta anche brang, è alta ben 82 metri!

Purtroppo, da anni, questa costruzione è in fase di ristrutturazione e l’impalcatura non consente di salire in cima per ammirare il panorama sulla città. E’ possibile, però, salire sulle balconate delle torri.

Le torri sono decorate con elaborati mosaici floreali realizzati con frammenti di ceramica cinese. Le opere multicolori sono intervallate da figure che rappresentano divinità protettrici. Ogni balconata ha divinità diverse: si spazia dai Kinnara (esseri metà uomo e metà uccello), da cariatidi a forma di scimmia sino a divinità induiste.

Vi prederete a contemplare la bellezza di queste realizzazioni.

Molto affascinante risulta essere anche il cortile interno, dove vi imbatterete in statue zoomorfe e di divinità protettrici.

Wat Arun
Il cortile interno e le sue divinità

Che dire… la visita a questo tempio ci ha lasciato senza parole: un vero e proprio gioiello!

Qui sotto vi lasciamo il nostro video, dove potete ammirare meglio il tempio che tanto ci ha incantato.

Alla prossima Viaggiatori,

Ambra e Surio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *