Alla scoperta di Les Baux-de-Provence

Uno dei luoghi più suggestivi di tutta la Provenza è senz’altro Les Baux-de-Provence.

Dovete immaginarvi un villaggio abbarbicato su una rupe, le cui pareti rocciose si fondono letteralmente nel borgo. In alcuni punti si ha davvero l´impressione che il villaggio sia stato scavato nella roccia, caratteristica che rende questo posto davvero suggestivo.

La STORIA di Les Baux-de-Provence

La Ville Morte
La Ville Morte

Dietro la bellezza di questo villaggio, si nasconde però una storia drammatica.

Les Baux-de-Provence venne fatto edificare nel Medioevo dai nobili di Les Baux come una cittadella fortificata. Questi signori non giurarono mai fedeltà ai reali di Francia, i quali, non appena la dinastia dei Les Baux si estinse, fecero radere al suolo il villaggio e uccisero i suoi abitanti.

Per secoli la cittadina fu abbandonata e divenne una Ville Morte, dimora di pipistrelli e corvi.

All’inizio del XIX secolo, il villaggio rinacque grazie alla scoperta di un giacimento di bauxite, un minerale importante per la creazione dell’alluminio. Oggi la principale fonte di guadagno viene dal turismo.

3 MOTIVI PER VISITARE LES BAUX-DE-PROVENCE

Angolo tranquillo di Les Baux-de-Provence
Scorci di Les Baux-de-Provence

1)      L’atmosfera surreale

Sebbene questo borghetto sia stato riscoperto, non è mai stato del tutto ricostruito. Passeggiando tra le viuzze, dove il silenzio fa da padrone, capita spesso di trovarsi di fronte a ruderi.

Inoltre, sono pochissimi i residenti e l’accesso al villaggio è possibile solo attraverso un cancelletto girevole.

PLACE SAINT-VINCENT
Place Saint-Vincent

2)      Lo splendido panorama e il Castello

Salendo verso la cima del villaggio, dove sorge il Castello è possibile ammirare un fantastico panorama sulle valli sottostanti. Lo chateu è visitabile, ma noi abbiamo preferito limitarci ad ammirare il panorama. Il costo di Euro 8,00 per la visita ci è sembrato eccessivo. Infatti non è molto grande e l’attrattiva principale sono alcune riproduzioni di macchine da guerra medievali.

Panorama di Les Baux-de-Provence
Panorama da Les Baux-de-Provence

3)      Place Saint-Vincent

In questa piazza si trova la Cappella dei Penitenti Bianchi e la Chiesta di Saint-Vincent che sembra essere scavata nella roccia: da non perdere!

Chiesta di Saint-Vincent
Chiesta di Saint-Vincent

In definitiva, Les Baux-de-Provence è un borghetto da visitare assolutamente se avete in programma di fare un tour della Provenza.

Come organizzare un tour in Provenza?

Qui trovate il nostro itinerario e tante informazioni utili.

E se questo articolo non vi è bastato, per godervi appieno l’atmosfera di questo borghetto, allora guardatevi il nostro video 🙂

Alla prossima,

Ambra e Surio

Curiosità e suggerimenti:

  • PARCHEGGIO: vicino all’entrata del villaggio, ci sono due parcheggi a pagamento (circa Euro 5,00 ed Euro 3,00 a seconda della distanza dal villaggio).
  • LA VAL D’ENFER:  a nord di Les Baux-de-Provence , tra le vecchie cave di bauxite e le rocce contorte, si trova La Val d’Enfer (“Valle dell´Inferno”). Secondo il mito, Dante Alighieri ne trasse ispirazione per i nove gironi infernali della Divina Commedia.
  • TURISMO: Les Baux-de-Provence, rispetto ad altre cittadine provenzali, non è così presa d’assalto dai turisti. Ciononostante, per evitare i momenti di maggiore afflusso, è meglio visitare il borgo dopo le 17.00 oppure in primavera o in autunno.
  • LES BAUX-DE-PROVENCE, IL NIDO D’AQUILA PROVENZALE: alzi la mano chi non ha mai sentito parlare del TRONO DI SPADE! Beh, questo villaggio ricorda davvero molto il Nido dell’Aquila. In primo luogo per la posizione e lo strapiombo sulla vallata sottostante. In secondo luogo, per la sua storia. Infatti, il Visconte Raymond de Turenne, chiamato anche “Flagello della Provenza”, signore della cittadella, era solito costringere i propri prigionieri a lanciarsi dalla rupe del villaggio… non vi ricorda un giovane Lord Arryn? Ok momento nerd finito 🙂

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *